Acido citrico in soda

Le culture antiche e medievali hanno usato acido da agrumi centinaia di anni prima di comprendere veramente il suo potere. Secondo il libro di Richard Myers del 2007 “I 100 composti chimici più importanti”, Jabir Ibn Hayyan ha identificato l’acido citrico nell’ottavo secolo d. A. come chimico specifico responsabile dell’effetto acido. E ‘stato Carl Scheele, un chimico svedese accreditato con la scoperta di ossigeno, cloro e fluoro, che in 1784 ha isolato l’acido citrico in un laboratorio. Questo acido è un componente di molti detergenti domestici, farmaci e alimenti, comprese le bevande analcoliche.

Origine

Myers scrive che Scheele ha isolato l’acido citrico cristallizzando il succo di limone. È stato fabbricato in Europa all’inizio del XX secolo per scopi industriali e alimentari, ma le guerre frequenti in Europa ei successivi ritardi all’esportazione hanno portato alle aziende americane a sviluppare i propri metodi di produzione.

Produzione

L’acido citrico è stato originariamente prodotto con l’aggiunta di ossido di calcio al succo di agrumi. Carl Wehmer ha sviluppato per la prima volta il processo di fermentazione dello zucchero per produrre acido citrico nel 1893, ma solo fino al 1917, lo scienziato americano James Currie pubblicava un articolo sull’impiego di tale potenza per grandi quantità di produzione di acido citrico.

Funzione

L’acido citrico viene usato in soda per aggiungere tartine. Mentre lo zucchero di canna o lo sciroppo di mais di fruttosio elevato forniscono la principale fonte di dolcezza, l’acido citrico fornisce il gusto nitido e scuro trovato nelle bevande e nei colas di frutta, secondo l’intesa di additivi alimentari. Diversi soda contengono acidi diversi per aumentare il sapore e la freschezza. L’acido citrico, l’acido malico nelle bevande di frutti di bosco e gli acidi fosforici nelle colasi non solo forniscono il sapore della firma, ma allungano la durata di una bevanda. Il sito web di Pop Art di John Mallet, una rivista di chimica già pubblicata dall’Università di Nebraska-Lincoln, scrive che l’acido impedisce il deterioramento dell’alimento.

usi

Vicky Clarke mantiene un sito web per persone con intolleranza al citric acid. Lei riferisce che gli agrumi, i frutti tropicali e la pietra, come pure le bacche, sono tutte fonti naturali, come i pomodori, la lattuga ei peperoni di cayenne. I processori alimentari lo aggiungono ai sodas, così come i cubetti di zucchero, frutta in scatola e pomodori, marmellate e conserve e maionese.

avvertimento

Clarke soffre di una rara intolleranza all’acido citrico. Lei scrive che esistono poche informazioni sulla malattia a causa della sua rarità, ma i sintomi imitano un’altra intolleranza all’acido – dolori di gas e gonfiori, crampi di stomaco e diarrea. Un rapporto del 2007 pubblicato nella rivista “General Dentistry” lega gli acidi, come l’acido citrico, nei sali per l’usura e il decadimento dello smalto. Un articolo sulla relazione di LiveScience afferma che “le colas non sono meno acide delle colas in generale … ma erodono i denti in modo più efficace delle colas.