Erbe che funzionerebbero come un bloccante beta naturale

I beta-bloccanti sono farmaci convenzionali che bloccano gli ormoni dello stress che innescano la risposta “volo o combattimento”. Questi ormoni invitano i muscoli del cuore, i nervi e i vasi sanguigni in tutto il tuo corpo e possono contribuire a disturbi quali ansia, ipertensione, glaucoma, angina e aritmie cardiache. Alcune erbe agiscono come bloccanti beta naturali e possono essere utili per trattare questi problemi. Consultare il proprio medico prima di iniziare il trattamento a base di erbe.

Azioni a base di erbe

Come bloccanti beta naturali, le erbe producono diversi effetti sul tuo corpo. Essi riducono l’ansia, abbassano la frequenza cardiaca e riducono la pressione sanguigna. Alcune di queste erbe funzionano regolando gli ormoni dello stress come l’epinefrina e la norepinefrina. Altri, come cardiotonici, diuretici e tonici vascolari, influiscono direttamente sulla circolazione del sangue, sulla ritenzione idrica e sui vasi coronari. Controllare con un medico qualificato per consigli su dosaggio e preparazione di queste erbe.

Coleo indiano

Il cole indiano, o Coleus forskohlii, è un’erba erba perenne che è nativa in India. I praticanti ayurvedici lo usano per trattare malattie cardiache e disturbi della pelle. Nel suo libro del 2003, “Erboristeria medica: la scienza e la pratica della medicina di erbe”, il terapista clinico David Hoffmann afferma che molte malattie cardiache e della pelle coinvolgono bassi livelli di monofosfato adenosina ciclico o cAMP, una molecola di messaggistica chimica che regola l’epinefrina. L’ingrediente attivo nel cole indiano è forskolin, una sostanza chimica che aumenta i livelli di cAMP e rilassa i muscoli lisci, rendendola utile per il trattamento dell’alta pressione sanguigna, asma, insufficienza cardiaca congestizia, glaucoma e angina. Come i beta-bloccanti, forskolin ha un effetto positivo sul tuo cuore e riduce la pressione intraoculare che causa il glaucoma. Non usare questa erba se hai il diabete. Non combinarlo con un’altra medicina del cuore.

Biancospino

Hawthorn, o Crataegus laevigata, è un piccolo albero nativo in Europa. I guaritori tradizionali utilizzano le foglie, i fiori e le bacche come cardiotonica. I beta-bloccanti e gli biancospini sono entrambi utili per l’ipertensione. Mentre i beta-bloccanti non hanno l’azione diuretica, sono spesso combinati con diuretici per trattare l’ipertensione. Hawthorn ha azione diuretica a causa degli effetti delle sue procianidi e flavonoidi sugli enzimi che regolano la pressione sanguigna e l’equilibrio idrico. Hawthorn, come i beta-bloccanti, può anche essere utile per l’angina. Hoffmann dice che il biancospino migliora la circolazione del cuore e dilata le arterie coronarie, permettendo più ossigeno a raggiungere i tessuti cardiaci. Bloccanti beta e biancospino alleviare il dolore di angina causato quando il tuo cuore richiede più ossigeno che il tuo sangue può fornire. Non combinare biancospino con altri farmaci a cuore.

Snakeroot indiano

Il serpente indiano, o la serpentina di Rauvolfia, è un arbusto di boschi nativo dell’Asia meridionale. Gli erboristi utilizzano le radici per trattare una serie di disturbi, tra cui ipertensione, ansia, costipazione, insonnia e reumatismi. Gli ingredienti attivi comprendono più di 60 potenti alcaloidi, come reserpina, resincina, serpentina, ajmalicina e ajmalina. Alcuni di questi alcaloidi agiscono simili ai beta-bloccanti. Nel loro libro 2009, “Piante medicinali del mondo”, il botanico Ben-Erik van Wyk e il biologo Michael Wink dicono che il snakeroot indiano è anti-ipertensivo perché la reserpina inibisce la reintroduzione della norepinefrina, causando la sua esaurimento da enzimi. Un altro alkaloide, ajmalina, ha azione antiaritmica e inibisce le aritmie ventricolari. Il snakeroot indiano ha effetti tranquillizzanti perché, come i beta-bloccanti, riduce gli effetti dell’ormone dello stress norepinefrina. Non combinare questa erba con altri tranquillanti o antidepressivi.