Il tè verde elimina l’appetito?

Dopo l’acqua, il tè verde può essere considerato la bevanda più popolare al mondo. Le società asiatiche premiano le foglie parzialmente fermentate della camelia sinensis e il tè verde può essere trovato come parte di molte cerimonie culturali sia in Cina che in Giappone. La birra ha recentemente raccolto più attenzione nel mondo occidentale sia come un’alternativa sana al tè nero e come promettente aiuto per la perdita di peso. Uno dei vantaggi offerti dal tè verde si concentra intorno alla sua presunta capacità di sopprimere l’appetito.

Perdita di catecolamina

Il tè verde sembra dimostrare la capacità di sopprimere l’appetito, anche se alcuni meccanismi possono essere al lavoro. Il principale fattore di soppressione dell’appetito è dietro il suo effetto sulla norepinefrina e sulla dopamina. Questi due ormoni peptidi, noti come catecolamine, attivano il sistema nervoso simpatico, uno degli effetti noti comprende una riduzione del desiderio di cibo. I ricercatori ritengono che ECGC, uno dei composti più attivi nel tè verde, mediasse questo effetto inibendo la rottura di un enzima che normalmente romperebbe le catecolamine.

Produzione CCK

Uno dei metodi impiegati dall’organismo per gestire l’appetito comporta la produzione di CCK. Questo ormone, rilasciato nell’intestino dopo il consumo di un pasto, dice al cervello che il corpo ha ricevuto adeguate quantità di cibo. Il rilascio di questo ormone riduce immediatamente l’appetito. Il consumo di tè verde aumenta il rilascio di CCK.

Aumento della combustione dei grassi

Oltre ai suoi effetti sull’appetito, il tè verde dimostra ulteriori effetti sulla combustione dei grassi. I polifenoli contenuti nel tè verde, che includono ECGC, aumentano la termogenesi, preferibilmente bruciano i grassi in preferenza alla proteina. Gli studi hanno confrontato il tasso di combustione di grassi in un gruppo che ha consumato tè verde contro un altro gruppo che non ha fatto. Hanno scoperto che i polifenoli contenuti all’interno della birra sono risultati buoni. Mentre le spese energetiche dal grasso nel gruppo di controllo ammontavano solo al 31,6 per cento dell’utilizzo totale di energia, questo è salito al 41,5 per cento nel gruppo del tè verde.

Altri effetti sulla salute

A differenza di altri agenti che bruciano il grasso, il tè verde non presenta effetti dannosi sul sistema cardiovascolare. Poiché la maggior parte degli agenti termogenici agiscono come stimolanti, possono verificarsi effetti collaterali come l’aumento della frequenza cardiaca e l’ansia. Il tè verde fornisce un elevato livello di antiossidanti, che possono aumentare la salute del cuore e delle arterie e l’elevato contenuto della teina di aminoacidi può fornire effetti di calmamento sull’utilizzatore. Il dottor Joseph Mercola, un medico certificato dall’American College of Osteopathic General Practitioners e un autore più venduto, promuove l’uso del tè verde per la prevenzione di molti disturbi cronici.

Effetti collaterali

I ricercatori non associano molti effetti indesiderati con tè verde, anche in quantità molto grandi. Gli studi hanno dimostrato che i segni di tossicità si verificano solo quando l’assunzione raggiunge l’equivalente di 1.200 tazze al giorno in un individuo di 150 libbre. È stato proposto che l’elevato tenore di polifenolo del tè verde potrebbe interferire con l’assorbimento di minerali, con l’eventuale inibizione delle fonti vegetariane di ferro.