Vasculite indotta da esercizio

Come corridore di lunga percorrenza, camminatore o alpinista, è necessario prestare particolare attenzione a caldo. Anche se i muscoli del polpaccio hanno una pompa di regolazione della temperatura, l’esercizio a caldo potrebbe influire improvvisamente su questa pompa. Una volta che ciò accada, una condizione infiammatoria caratterizzata da eruzioni cutanee e gonfiore nella gamba inferiore indicata come risultati di vasculite indotta da esercizio. È più probabile sviluppare vasculite indotta da esercizio se si esercita in un esercizio particolarmente prolungato o faticoso. I cambiamenti infiammatori di solito risparmiano la pelle compressa dai tuoi calzini.

EIV Misdiagnosis

Potresti sviluppare la vasculite indotta da esercizio anche se non sei stata malata prima. La condizione potrebbe anche essere un puntatore alle malattie nascoste. Ecco cosa è successo in un rapporto del giugno 2009 pubblicato in “Cutis”. Una donna anziana che aveva subito ripetuti episodi di vasculite indotta da esercizio fisico è stata vista da medici in molte occasioni. Purtroppo, le eruzioni cutanee ricorrenti presenti sulle gambe sono passate inosservate. Anche la presenza degli stessi rash sulle gambe della sorella non riesce a sollevare sopracciglia. Questo doppio caso di vasculite indotta da esercizio è pertanto trascorso inosservato da molti anni.

Sintomi di EIV

Le persone affette da vasculite indotta da esercizio sperimentano diversi sintomi. Per aiutarti a identificare la vasculite indotta dall’esercizio fisico, ricordate sempre che le aree compresse con i calzini sono generalmente risparmiate dall’infiammazione in sviluppo. Inoltre, cercare i rash cutanei e papule che potrebbero essere piuttosto pruriginosa e talvolta dolorosa o causare una sensazione di bruciore. Anche se i sintomi si risolvono solitamente entro pochi giorni, sono possibili frequenti ricadute.

Prevenzione e trattamento

Il modo più sicuro per prevenire la vasculite indotta da esercizio è evitare completamente l’esercizio fisico. Poiché questo non è consigliabile, tuttavia, non è possibile eliminare completamente il rischio di sviluppare la condizione. Poiché i sintomi EIV tipicamente sostituiscono le aree compresse dai tuoi calzini, è generalmente consigliato l’uso di un tubo di compressione. Nonostante queste misure, tuttavia, alcune persone sviluppano ancora episodi ripetuti di questa condizione, rendendo inevitabile l’intervento medico a causa di farmaci antiedema e linfodrenaggio manuale.

Nuovi fatti emergenti

La vasculite indotta da esercizi è stata considerata una condizione esclusivamente calda. Tuttavia, questa visione sta cambiando, come risulta da un rapporto pubblicato nel marzo 2011 “Ricerche cliniche e sperimentali della dermatologia” dei ricercatori italiani – Davide Basso e colleghi. Essi hanno segnalato il verificarsi di vasculite persistente da esercizio fisico in un nuotatore di 16 anni. Hanno concluso che è possibile che la vasculite provocata dall’esercizio sia dovuta agli sport acquatici, nonostante il fatto che le temperature muscolari non aumentino in tali sport come negli sport terrestri.